Il rischio più grande dell’estate….Volatilità Zero….

Scritto il alle 8:31 da gianpierobn@finanza

prev

C’è sempre stata una guerra tra gli analisti fondamentali e gli analisti tecnici. Gli analisti fondamentali si rifiutano di analizzare il mercato tracciando linee, rettangoli, supporti e resistenze. Banale, inutile e senza fondamento scientifico. L’analisi fondamentale tenta di stimare il valore delle azioni t attraverso la stima degli utili futuri, ma basta cambiare di pochi decimi il tasso di sconto e la valutazione cambia completamente. E’ una guerra senza senso, bisogna studiare entrambe le cose.

Eppure sembra tutto così facile, tracciare una linea, copiarla e spostarla, e guarda dove si ferma….senza commenti.

SPX500 W1 (07-29-2017 0906)

Un trend perfettamente lineare (qui). Il mercato Usa è letteralmente dominato dai tecnicismi. Rileggete anche questo post (qui) . Se l’anno finisse oggi, ci avremmo preso in pieno, non solo il prezzo, ma anche il P/E. Ma siamo solo al primo Agosto… E ora? Dove si va? Di questo passo, il Dow supererà agevolmente i 22mila entro pochi giorni e 23 mila a fine agosto, e il Nasdaq i 6.100 punti. Ma con quali rischi?

Avete notato tutti questi piccoli (e meno piccoli) flash crash nelle ultime settimane? Immaginate che il Dow Jones voli a 23 mila punti in una calda giornata di fine agosto, mentre tutti sono rilassati al mare. E contemporaneamente il Vix continui a ritoccare i suoi minimi storici arrivando a livelli impensabili…volatilità prossima allo zero…scattano gli algoritmi, inondano il mercato di ordini di uscita.

Di quanto potrebbe scendere il mercato? 1.500 o 2.000 punti in pochi secondi. Se hai una posizione aperta e uno stop loss in gain, ti senti sicuro, e magari incrementi la posizione, aumenti la leva. Ma quando arriva il crash, e il book si prosciuga, la posizione non viene chiusa allo stop, ma al primo prezzo che si forma dopo il crash…e può essere un bagno di sangue. A meno che tu non abbia pagato una barca di soldi per uno stop garantito…e in questo caso il sangue che scorre è quello broker. Ma qualcuno perde sempre…

Lo scenario appena descritto, non è fantasia, è successo, succede e succederà. Ricordiamoci che viviamo nel mondo del trading algoritmico, e i Flash Crash del mercato posso innescarsi in qualsiasi momento, magari proprio quando il rischio percepito è ZERO. Si tratta di un nuovo rischio sistemico che nessuno valuta adeguatamente, per il semplice fatto che nessuno è in grado di valutarlo, per la mancanza di informazioni adeguate.

Non si può simulare con una formula, nessuno conosce quello che fanno gli algoritmi dei sistemi di trading ad alta frequenza…

La scorsa settimana è stata diffusa una nota da Marko Kolanovich “Gandalf” di JPM (qui), strategist quantitativo. Ad oggi La Fed ha parlato, la Bce ha parlato, la Boj ha parlato, e le prossime riunioni saranno in settembre, per cui ora sui mercati regna …una rischiosa calma irreale

“la volatilità vicino al minimo storico può essere segno di punto di svolta….la scarsa volatilità non sarebbe un problema se non per le strategie che aumentano il leverage ….”.

Agosto 2015…tranquillamente e spensieratamente in vacanza, senza chiudere le posizioni aperte, era l’anno del QE…niente cellulare e niente internet per 10 giorni, volutamente dimenticato….era la settimana del 24 agosto….

“Sbagliando si impara…. “

.

.
banner-long-IM

.

.


Utenti connessi

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Il rischio più grande dell'estate....Volatilità Zero...., 10.0 out of 10 based on 1 rating
Nessun commento Commenta