L’€urino che vorrei è a quota 0,8 USD…

Scritto il alle 8:27 da gianpierobn@finanza

listener3

L’€-uro incorpora il valore di tante valute, quanti sono i paesi membri dell’Unione Monetaria. Per cui paesi forti, con economie forti, con surplus consistenti, spingono su il cambio, viceversa la presenza nell’Unione di economie in fallimento, tiene basso il valore della valuta….e naturalmente all’interno dell’UE c’è che si avvantaggia e chi subisce.

euroimpoverimento

La politica di Austerità ha prodotto in 10 anni un arretramento dei PIL di molte regioni dei pesi dell’area debole dell’Europa. Abbiamo perso Liguria, PIemonte e Toscana, mentre il nostro Mezzogiornio è sempre più indietro.

Quando nel 1992 l‘Italia esce dallo Sme, la lira si svaluta fortemente, e senza alcun effetto iperinflazionistico, l’export Italiano ne beneficiò parecchio, e nello stesso periodo anche il rapporto Deficit/Pil migliorò sensibilmente (vedi qui). Poi è arrivata la Moneta Unica….la crisi del 2007, e infine Mario Draghi….tutto in un grafico.

Quanto dipendiamo dall’Euro debole?

eurotradebalance

Lo scorso anno il surplus della bilancia commerciale è stato pari a 51,566 miliardi di euro rispetto all’avanzo di 41,807 miliardi del 2015, il livello più alto dal 1991, quando è iniziata la serie storica…in gran parte grazie a Draghi. In Europa siamo tornati ad essere la terza economia esportatrice poco dopo l’Olanda (59 miliardi), e molto molto dopo la Germania (257 miliardi!!!!) cinque volte più di noi.

Se guardate i dati della bilancia commerciale aggregata dell’UE, in pratica la Germania da sola ha un surplus maggiore di tutta l’aera euro considerata nel suo complesso, e questo rende bene l’idea di cosa significhi l‘€uro per la Germania, e la Germania per l’€uro….se ad uscire fossero loro, la moneta Unica scambierebbe sotto 0,80 sul dollaro.

Una quotazione del genere potrebbe portare il nostro surplus vicino ai 100 mld….e sono tutti soldi che entrano. Ma tutto questo non è solo merito di Draghi, bensì è l’effetto combinato e temporaneo, e probabilmente irripetibile, di una serie di fattori, e tra questi la discesa del prezzo del petrolio è stata un altra vera manna dal cielo.

La componente energia pesa per 25 miliardi l’anno sulla nostra bilancia commerciale…per cui il risultato che abbiamo oggi, non è certo merito di Renzi e cattiva compagnia, ma è solo una questione di ciclo economico, che il nostro paese ha sfruttato solo a chiacchiere.

Ad esempio,conti alla mano, se avessimo portato la produzione da energie rinnovabili al 60% del fabbisogno, sarebbero circa altri 7,5 miliardi l’anno di maggiore surplus…

Lo schiaffo preso dall’Italia a Tallin pesa come un macigno sul nostro futuro, e ora che Mario Draghi andrà in pensione….chi ci salverà…? Con tutto il debito che abbiamo sulla testa, con tutta i problemi di produttività e competitività, tutto precipita molto velocemente…in attesa della batosta IVA…

.

.
banner-long-IM


Utenti connessi

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 6.8/10 (4 votes cast)
L'€urino che vorrei è a quota 0,8 USD..., 6.8 out of 10 based on 4 ratings
Nessun commento Commenta