Cerca nel Blog

Il rimbalzo in attesa delle banche centrali

Scritto il alle 9:55 da gianpierobn@finanza

images

La settimana scorsa c’è stato l’atteso rimbalzo dei mercati globali, tutti gli indici hanno guadagnato su base settimanale ad accezione di India e Cina.

Migliore borsa Londra, che nonostante le forti vendite della sterlina ha riguadagnato quota 6000 pti, e in termini di performance annuale è la migliore : sotto solo del 2,34% a fronte ad esempio di un -18% del nostro Ftse Mib.

Principali indici - Drawdown

Drawdown dei principali indici – grafico dshort.com

Siamo molto lontani dai recenti picchi del mercato in Europa, ma non tanto lontani in Usa.

Entriamo nel mese della banche centrali e il mercato si prepara ad un probabile sprint ma è importante sottolineare che stiamo entrando in un periodo di crescita bassa a causa del deleveraging del debito, deficit e tensioni geo politiche : quando l’economia richiede circa il 100% del debito in più per stimolare il 25% di crescita economica le cose non vanno più bene.

I dati economici continuano a mostrare segni di lentezza, nonostante flash macro positivi, in un contesto di tasse più alte, bassa inflazione, bolle finanziarie e continue revisioni al ribasso di stime sempre più sballate.

IMF previsioni di crescita globale

IMF previsioni di crescita globale

Questo grafico, mostra il triste stato della crescita globale e le previsioni del FMI che vengono perennemente deluse.

E’ lecito quindi aspettarsi che anche le stime attuali possano essere “leggermente sballate”.

Intanto questa settimana abbiamo assistito all’ennesimo esempio di ordinaria follia sui mercati Usa, per la precisione nella giornata di mercoledì. Mercati in profondo rosso, dopo la diffusione dell’indice dei direttori degli acquisti del settore servizi Usa, sceso sotto i 50 : allarme rosso.

S&P 500 piomba sotto i 1900 e poi come per magia, strappa al rialzo di 50 punti in mezza giornata, riportando la borsa Usa lassù ancora nel pieno della bolla.

Qualche dato positivo nel fine settimana, non giustifica nulla : il mercato è completamente instabile.

Molto significativa questa infografica pubblicata da ZeroHedge.

Sequenza del ciclo economico

Sequenza del ciclo economico

I recenti aumenti dell’inflazione core – si spiega – sono normali nella sequenza di come si evolve una recessione. La tipica sequenza del ciclo economico è che il settore manifatturiero si indebolisce, poi l’occupazione e la spesa dei consumatori, e infine, l’inflazione…

 

 

banner-long-IM

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta