Cerca nel Blog

Disoccupazione e crescita: la legge di Okun

Scritto il alle 10:05 da gianpierobn@finanza

work

L’avversione al rischio è tornata ad affacciarsi sui mercati non appena la più influente istituzione monetaria la mondo ha fatto mancare il suo sostegno.

Tanti nodi sono venuti al pettine, ma al di là degli spauracchi che periodicamente vengono fuori, Grexit e oggi Brexit, la verità è che i mercati non sembrano più avere fiducia nelle capacità della politica e delle istituzioni monetarie di far ripartire la crescita, l’inflazione e….l’occupazione.

La Cina,il più grande mercato di sbocco del mondo, per i prossimi anni crescerà a ritmi inferiori al 6%. Sono numeri da capogiro, ma sono quasi dimezzati rispetto al recente passato. La Russia sta scoprendo il lato oscuro di una economia basata sul petrolio, e con lei tanti altri paesi che rimarranno drammaticamente coinvolti nella speculazione sull’oro nero.

Il Brasile è in una situazione di stagnazione, l’Europa riesce a malapena a sostenere se stessa, e gli Usa rappresentano l’incognita dell’anno : semplice rallentamento o inizio della recessione?

Solo l’India e i paesi dell’Africa subsahariana non hanno ancora accennato a rallentare.

Lo scorso anno il direttore generale dell’Fmi, Christine Lagarde sottolineava :“Dobbiamo evitare che il ‘nuovo mediocre’, ossia una crescita bassa per un periodo prolungato, diventi la nuova realtà. Possiamo fare meglio. Dobbiamo fare meglio”.

Ma mentre le banche centrali si stanno impegnando in tutti i modi per tentare raggiungere i loro obbiettivi di inflazione, è passato in secondo piano il problema più serio : la disoccupazione.

In molti paesi la disoccupazione giovanile ha raggiunto il 50%, e dopo la crisi del 2007 ha raggiunto livelli record che non sono ancora rientrati, e la domanda è : quando saranno riassorbiti?

C’è una relazione tra la crescita economica e la disoccupazione nota come legge di Okun.

Relazione crescita disoccupazione

Relazione crescita disoccupazione

La relazione spiega che la disoccupazione diminuisce quando il tasso di crescita del
prodotto GYT (Pil ) supera il tasso di crescita potenziale dell’economia GY (Pil potenziale).

In pratica la disoccupazione si riduce di un livello pari a β punti percentuali per ogni punto di Pil che eccede la crescita potenziale.

La relazione tra Pil e disoccupazione varia da paese a paese, e secondo alcune ricerche per gli Stati Uniti la relazione sarebbe la seguente:

Slide di Enrico Saltari Università Roma Sapienza

Slide di Enrico Saltari Università Roma Sapienza

Il grafico va letto nel seguente in questo modo : perché ci sia una crescita dell’occupazione, la produzione deve salire di oltre il 3%. Per ogni punto di Pil sopra questa soglia la disoccupazione diminuisce dello 0,4%.

Molto dipende dal coefficiente β ( beta ) che negli Usa è stimato allo 0,4%.

In Italia, causa perenne rigidità del mercato e del costo del lavoro, il coefficiente è molto più basso : 0,02%, e guardate un po’…

Slide di Enrico Saltari Università Roma Sapienza

Slide di Enrico Saltari Università Roma Sapienza

Ci servirebbe una crescita superiore al 3,5% per creare lavoro per lo 0,02% all’anno, e anni di crescita costante per tendere ai livelli pre crisi.

E’ vero si tratta di una relazione macroeconomica, e a giudicare dalla dispersione dei dati intorno alla retta, probabilmente la significatività statistica per l’Italia, e molto minore rispetto al mercato del lavoro Usa.

Ma al di là di delle stime dei singoli parametri, è chiaro che una crescita allo zerovirgola non può essere considerata una svolta, e i dati sul mercato del lavoro in Italia ( leggi qui), sono molto diversi da quelli che vengono propagandati.

Ieri i dati sui PMI Composite hanno disegnato un quadro di ulteriore rallentamento in una situazione già precaria, e il PMI servizi Usa è sceso sotto i 50 segnalando contrazione anche nei servizi, che sono il motore dell’economia Usa.

I banchieri centrali continueranno a correre dietro al mito dell’Infation Targeting, i mercati continuano a correre dietro ai banchieri centrali, ma per dare lavoro a chi lo ha perduto, servirebbe ben altro…ma vi sembra che la politica ne sia capace?

 

 

banner-long-IM

 

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

SCOPRICI!
banner-col-dx-IM
I Nostri Portafogli
IM-alpha-beta-gamma IM-desr-sigma-delta IM-omega-betrade
Last network news
Nelle scorse settimane abbiamo condiviso l'esplo
"Via libera della Banca centrale irlandese: il s